Caridina japonica (multidentata)

Questo gamberetto viene anche chiamato con il nome di colui che lo ha fatto conoscere a livello internazionale, ovvero il maestro Takeshi Amano, non a caso viene anche chiamato Gambero di Amano.

Di derivazione asiatica, la caridina japonica è stata rinvenuta in Giappone, Corea e taiwan. Ottimo detrivoro e alghivoro, rimuove carcasse e micro alghe con estrema facilità. E' un gamberetto piuttosto grande rispetto agli altri commerciali in quanto raggiunge dimensioni massime di  5 centimetri nelle femmine e di 4 nei maschi

 

 

VALORI D'ALLEVAMENTO:

 

TEMPERATURA: 10/28 °C

PH: 5,5/8

KH: 3/10

GH:4/15

 

 

 

 

 

è un gamberetto estremamente adattibile che convive bene con tutte le specie di pesce pacifiche, se ne sconsiglia l'allevamento con caridine più piccole in quanto tendono a predare i piccoli delle altre specie. E' possibile riconoscere il dimorfismo sessuale in quanto le femmine sono più grandi e tozze, oltre a presentare una linea di continua di puntini disposti in linea continua dalla testa alla coda, mentre i maschi presentano i puntini disseminati in ordine sparso.

La riproduzione in acquario è praticamente impossibile, più persone ne hanno tentato la riproduzione ottenendo scarsi risultati, in quanto dalle uova poste sotto il carapace non escono piccoli gamberetti come in molte specie commerciali, ma larve che in natura escono alla foce di estuari, con acqua a maggiore densità di salinità