Eleocharis parvula

 

Nome comune: giunchina piccina
Famiglia: Cyperaceae
Provenienza: Europa, Africa, cosmopolita
Altezza media: 3-8 cm.
Larghezza media: 8-10 cm.
Difficoltà di coltivazione: facile
Temperatura media: 20°-28°C
Illuminazione: media-alta
Crescita: media
pH medio dell’acqua: 5.5-8 pH
Durezza dell’acqua: da molto bassa a molto alta

Descrizione: piccola pianta palustre con impianto a rosetta. Le foglie sono aghiformi, sottili, piatte, e si sviluppano per circa 8-10 cm in lunghezza. Il colore delle foglie è di un verde chiaro intenso.

Riproduzione: si riproduce grazie agli stoloni. Quando la pianta madre produrrà lo stolone, con almeno due o tre piantine nuove, si potrà tagliare con le forbici, lasciando a destra e a sinistra della piantina nuova un cm e mezzo di stolone. Successivamente di procederà con il riposizionamento nel substrato.

Fertilizzazione: non richiede particolari fertilizzanti poiché si nutre dal fondo. Importante la somministrazione di anidride carbonica e saltuariamente di capsule fertilizzanti a lento rilascio.

Posizione in vasca: pianta da primo piano. Utilizzata spesso per contornare la base di rocce o spesso per coprire l’intera superficie di fondo dell’acquario come tappeto erboso. Ideale per creare suggestivi ed essenziali paesaggi con rocce. L’Eleocharis parvula è indicata anche per vasche di riproduzione, poiché ottimo nascondiglio per i pesci neonati (avannotti).

Consigli: preferisce terreni morbidi e compatti, o anche sabbiosi. Ancor meglio sarà il sviluppo se illuminata con luce diretta di lampade HQI o lampade fluorescenti t5. Per un’adeguata piantumazione in acquario si consiglia di inserire l’Eleocharis parvula a singoli ciuffi ben distanziati fra loro con l’ausilio di pinzette. Nella fase in
iziale di crescita in acquario è preferibile non farla convivere con pesci che smuovono molto il substrato. Le foglie dell’Eleocharis parvula possono essere accorciate con forbici senza recare alcun danneggiamento pianta.